Parestesie e agopuntura omeopatica a Roma

Parestesie e agopuntura omeopatica

Parestesie e agopuntura omeopatica

Parestesie e agopuntura omeopatica

L’ agopuntura omeopatica è utile per  le parestesie come terapia decontratturante e antinfiammatoria priva di effetti collaterali indesiderati degni di considerazione.  Il metodo consiste nell’infiltrazione intradermo e sottcute di  rimedi iniettabili  sia  sulla zona di proiezione delle parestesie, sia sui agopunti  coerenti con la diagnosi del paziente.  Si tratta di trattamento complessao integrata in una terapia che non si deve concludere solo come atto terapeutico locale perchè non esclusivamente utile per le parestesie, ma anche per la cura delle patologie infiammatorie sottostanti che possono esprimere tale sintomo.

Le parestesie sono un’alterazione della sensibilità denominate anche formicolii. Si tratta di  una condizione caratterizzata da fenomeni sensitivi sine materia a livello locale. i disturbi sono dovuti  da un impegno del sistema nervoso centrale o periferico, ma possono avere anche cause circolatorie. Tra le cause nervose delle parestesie possono esserci lesioni al tessuto nervoso causate da interventi chirurgici, lesioni, ernie, o anche da malattie o l’intossicazione da metalli pesanti. Più raramente ma non di minore importanza, possono essere anche sintomo di diabete mellito, ipotiroidismo e di sclerosi multipla.  Le parestesie si manifestano anche quando si posiziona un arto in una posizione scorretta o per intossicazione da farmaci. La causa più frequente  è  però la sofferenza di un nervo.

In questo caso le parestesie si  proiettano  nel distretto connesso al nervo impegnato. La sintomatologia è spesso unilaterale, ma può esprimersi anche bilateralmente. Le parestesie possono essere direttamente una patologia del nervo corrispondente o apparire come sintomo di una altra malattia che lo determina. La diagnosi di un medico è pertanto sempre necessaria e precorre qualsiasi  trattamento. Le forme più comuni di parestesie includono  principalmente gli arti superiori o inferiori.  Le  parestesie degli arti infiori  sono  spesso un sintomo minore della sciatalgia, in altre parole una patologia infiammatoria del nervo sciatico. La sciatica  è causata  dalla compressione del nervo a livello lombare magari in seguito ad una protrusione del disco intervertebrale corrispondente. Altre cause  includono la stenosi del canale vertebrale, una condizione nella quale il canale vertebrale si restringe determinando una sollecitazione meccanica. La sciatica può essere altresì causata per la tensione muscolare e la compressione vertebrale conseguente a un carico improprio della colonna.  La diagnosi corretta della situazione nella quale si trova il paziente  affetto da parestesie precede ogni trattamento. Per la diagnosi si ricorre agli esami radiografici, la risonanza magnetica, la elettromiografia e gli esami di laboratorio.

L’ agopuntura omeopatica  ha un ruolo importante nel trattamento delle parestesie   e nella prevenzione delle recidive. La metodica contribuisce a ridurre il fabbisogno di farmaci  assunti dal paziente per via sistemica ed è uno strumento di una terapia di cui costituisce parte ma non sostituisce. In genere, le sedute terapeutiche sono applicate a cadenza bisettimanale in cicli scansionati nel tempo.  I rimedi di omeopatia sono caratterizzatati dalla totale assenza di rischi collaterali. Il contributo della medicina tradizionale cinese alla cura è invece determinante per la scelta del luogo in cui applicare. Nessuno più della medicina tradizionale cinese ha codificato  i punti di stimolazione cutanea  e la loro combinazione corretta per la terapia.  Prima di praticare la cura è necessaria l’osservazione di tutti i sintomi espressi, praticare  gli  esami clinici,  arrivare ad una diagnosi che descriva le cause della malattia, valutare le interazioni con altre forme di terapia  e infine considerare tutte le altre forme di terapia per la quali la agopuntura possa costituire alternativa o integrazione.  Pertanto la agopuntura omeopatica è atto medico e deve essere essere esercitata da un medico competente. L’ iscrizione presso l’ Ordine dei Medici e presso il Registro dei medici che praticano sia l’ omeopatia, sia l’ agopuntura, consultabili in alcuni casi anche online, sono una indicazione sulla qualità della formazione ricevuta dell’operatore. La agopuntura omeopatica non si contrappone ne sostituisce le linee guida della medicina convenzionale, ma al contrario stabilisce con esse una virtuosa sinergia e una straordinaria opportunità anche a livello di prevenzione.

Dott. Fabio Elvio Farello,