IBS e agopuntura

IBS e agopuntura

IBS

IBS

L’ agopuntura è utile nel trattamento della  IBS , Irritable Bowel Syndrome o sindrome del colon irritabile, in  per gli effetti sedativi, antispastici e antinfiammatori privi di controindicazioni degne di nota. La tecnica consiste nella stimolazione di agopunti significativi con un ago bimetallico al fine di suscitare una risposta nel sistema neurovegetativo che governa tra le molte funzioni anche la digestione. La IBS è una patologia caratterizzata dall’infiammazione spesso cronica del colon. I disturbi generalmente associati alla IBS sono: dolore, spasmi, gonfiore, variazione di consistenza delle feci e tenesmo. Il paziente affetto lamenta anche altra sintomatologia anche se meno frequentemente ovvero alitosi, bruciore in bocca o in gola, cattivo sapore, nausea, vomito, il senso di sazietà precoce, dolori all’ano ed al perineo.  Leggi tutto.

Mal di stomaco e agopuntura omeopatica

Mal di stomaco e agopuntura omeopatica

Mal di stomaco e agopuntura

Mal di stomaco e agopuntura

L’ agopuntura omeopatica nel mal di stomaco è indicata come un trattamento antinfiammatorio, analgesico e per la gestione dello stress.  L’ agopuntura omeopatica è una tecnica per la quale i rimedi di omeopatia per il mal di stomaco sono infiltrati a tra diversi livelli su agopunti coerenti con la diagnosi del paziente.  Si tratta di una metodica complessa integrata in una unica cura che non si deve applicare  solo come terapia del dolore, ma come come trattamento delle cause che lo ingenerano. Il mal di stomaco è causato generalmente da un’infiammazione che si distingue una forma acuta da una forma cronica secondo un criterio temporale e clinico del suo decorso.  Le forme croniche di mal di stomaco non mostrano inizialmente sintomi eclatanti mentre le forme acute provocano dolore, nausea, vomito, febbre, dispepsia, emorragia, disappetenza.   Leggi tutto.

Shank prakshalana: pulire l’intestino in modo naturale

Shank prakshalana: pulire l’intestino in modo naturale

shank prakshalana

shank prakshalana

Shank prakshalana  è un lavaggio efficace e profondo dell’ intestino tipico della cultura indiana. Anche nella tradizione europea il clistere ha avuto un ruolo importante nella medicina prefarmacologica. Shank prakshalana significa “lavaggio della conchiglia” e allude alla forma convoluta dell’ intestino e connesse difficoltà di accesso per la sua pulizia. Mentre il clistere europeo pulisce esclusivamente il colon, Shank prakshalana costituisce una pulizia dell’intero circuito digestivo per il tramite di acqua calda e salata.  Questa pratica  deve essere insegnata da un operatore la prima volta, poi diventa una strumento potente quanto semplice. Pulire  due volte all’anno il proprio intestino consente di prevenire molte malattie e connessa “proposta” di cure farmacologiche. Una volta appreso il metodo, lo si può applicare da soli senza  difficoltà alcuna e con notevole successo nella conservazione della salute o nel suo ripristino.  Leggi tutto.

Tenesmo rettale stress correlato e agopuntura

Tenesmo rettale stress correlato e agopuntura

Tenesmo stress correlato

Tenesmo stress correlato

L’ agopuntura è utile nel trattamento della  tenesmo rettale se stress correlato , per gli effetti sedativi, antispastici e antinfiammatori privi di controindicazioni degne di nota. La tecnica consiste nella stimolazione di agopunti significativi con un ago bimetallico al fine di suscitare una risposta nel sistema neurovegetativo che governa tra le molte funzioni anche la digestione. Il tenesmo rettale stress correlato è una condizione urgente che si verifca quando lo sfintere anale si contrae in modo spasmodico e talvolta persino doloroso. Questa penosa condizione spesso non controllabile stimola come se fosse imminente l’evacuazione. Talvolta questa non avviene  oppure si evaqua una quantità piuttosto esigua. Il disagio coincide con probelmatiche conflittuali e emotive che agiscono come causa o si attivano conseguenza.  Leggi tutto.

Attacchi di fame e agopuntura omeopatica

Attacchi di fame e agopuntura omeopatica

attacchi di fame

attacchi di fame

L’ agopuntura omeopatica è utile negli attacchi di fame tramite  sedute indirizzate a contenere lo stress e regolarizzanti il sistema neurovegetativo. L’ agopuntura omeopatica è una tecnica di forte stimolazione che consiste nell’infiltrazione di rimedi di omeopatia iniettabile su punti di agopuntura coerenti con la situazione clinica del paziente. La metodica unisce agopuntura e omeopatia in un unico atto medico senza disperdere la caratteristica elevata tollerabilità biologica. Gli attacchi di fame sono una alterazione del comportamento alimentare per cui una persona ingurgita ossessivamente una quantità di cibo non proporzionata alle esigenze metaboliche.   Leggi tutto.

Proctalgia e agopuntura omeopatica

Proctalgia e agopuntura omeopatica

proctalgia

proctalgia

Per la proctalgia è utile l’  agopuntura omeopatica come terapia antinfiammatoria, miorilassante e analgesica priva di effetti indesiderati. Il trattamento  procede dalla diagnosi clinica e si associa a terapia medica coerente quando necessario. L’ agopuntura omeopatica consiste nell’infiltrare rimedi antinfiammatori su agopunti indicati per la terapia del dolore e dell’infiammazione. La stimolazione non è applicata direttamente sull’ano, ma su agopunti  a distanza coerenti con la problematica. Si tratta di una forte stimolazione basata sull’uso congiunto di due delle maggiori MNC Medicine Non Convenzionali, senza disperdere la caratteristica elevata tollerabilità biologica.L’impiego dell’ agopuntura omeopatica è utile nel dolore, contrattura e infiammazione è anche perché priva di effetti collaterali  degni di nota .La proctalgia è un dolore intenso all’ano connesso generalmente a ragadi, emorroidi o a spasmi. Le ragadi sono  un’ulcera lineare dell’ano, il cui sintomo caratteristico è  rappresentato dal dolore urente ad ogni defecazione.   Leggi tutto.

Singhiozzare come reazione a stress

Singhiozzare come reazione a stress

singhiozzare

singhiozzare

Singhiozzare è una salva di contrazioni inaspettate, produttive di un caratteristico sussulto che avvengono talvolta a seguito di eventi fisici, spesso come un reazione a stress. Singhiozzare è comunque una reazione involontaria e spasmodica, del diaframma che si esprime in un’ispirazione seguita dall’improvvisa e rumorosa chiusura della glottide. Il singhiozzo è un sintomo di malattie o disagio gastrointestinale oppure è associato ad una reazione ad eventi stressogeni vissuti  interiormente come irricevibili.   Spesso sono bambini a soffrite di singhiozzo dopo un pasto consumato velocemente, in caso di alimenti malsani o  per tensioni emotive durante il pasto. Quando il singhiozzare dei bambini non ha cause organiche è sufficiente una revisione dello stile alimentare e evitare conflittualità famigliari durante i pasti.  Negli adulti il singhiozzo può essere una vera sofferenza e non necessariamente connessa all’abitudine di ingerire aria attraverso gli alimenti, a disturbi digestivi  ad uno spavento.   Leggi tutto.