Charles Bonnet; la sindrome di Charles Bonnet

Charles Bonnet; la sindrome di Charles Bonnet

charles bonnet

charles bonnet

La sindrome di Charles Bonnet descrive una sofferenza per allucinazioni visive o sonore che si verifica in soggetti audiolesi o videolesi. Spesso si tratta di soggetti anziani, ma possono essere affetti anche i giovani. I pazienti vede immagini o percepiscono suoni che non appartengono al contesto reale, ma si sostiuiscono alla assenza di contenuti provenienti dagli organi di senso. Le aree del cervello che sono deputate alla decodifica dei segnali provenienti dagli organi senso in immagini visivi o suoni ,  diventano autonome nei pazienti videolesi o audiolesi.  Queste aree  come dimostra la diagnostica  funzionale del cervello, producono attività non correlata alla funzione  degli organi di senso ai quali sono o erano connesse. Le immagini o suono non sono controllabili e non sono riferibili al contesto mnemonico, psichico e personale del paziente.   Leggi tutto.

Chikungunya, una epidemia sulla quale riflettere

Chikungunya, una epidemia sulla quale riflettere

chikungunya

chikungunya

La chikungunya è una malattia virale, epidemica, trasmessa dalla puntura di zanzare infette caratterizzata da sintomi simili alla influenza. Ai tipici sintomi influenzali si aggiungono però nella chikungunya dolori articolari particolarmente intensi. Il termine chikungunya deriverebbe proprio da questa caratteristica, perchè tradotto significa ” malattia che piega o contorce”. Spesso l’origine geografica delle malattie virali è attribuita al continente africano. Questo continente si presta particolarmente bene ad avvalorare ipotesi piuttosto che dati validati sulla genesi di molte altre malattie. L’Africa è caratterizzata da sistemi sanitari fragili o assenti, condizione che favorisce una narrazione delle epidemie sui media discutibile nei modi e nella estensione. Secondo il Ministero della Salute italiano la chikungunya entra sul territorio italiano nel 2007 cavalcando la diffusione della zanzara tigre che è il suo principale veicolo di trasmissione. Tuttavia la ricerca medica tende in questi casi a ipotizzare o provare una trasmissione uomo uomo sopratutto tramite sessualità. Nei media la associazione tra sessualità e infezione permette, ben oltre il valore scientifico della affermazione, una particolare risonanza emotiva. Questà emotività caratterizza purtroppo le epidemie dalla notte dei tempi fino ad arrivare a giorni nostri.   Leggi tutto.

SEX GLOBULIN – Sex Hormone Binding Globulin

SEX GLOBULIN

sex globulin

sex globulin

Le Sex Globulin di proteine leganti gli ormoni sessuali, con un impatto rilevante nelle espressioni comportamentali connesse e nello stato di salute. Le Sex Globulin sono denominate  anche SHBG ovvero Sex Hormone-Binding Globulin perchè legano testosterone e l’estradiolo, disattivandone le funzioni biologiche. Il testosterone e l’estradiolo in tal modo “legati” non sono attivi. Se tali ormoni non sono liberati dall’ abbraccio contenitore delle Sex Globulin, non funzionano proprio. Le SHBG sono prodotte dal fegato, cervello, utero , testicoli e placenta, vengono successivamente immesse nel flusso sanguigno al fine di regolare sessualità e salute.    Leggi tutto.

Debunker che alterano la corretta informazione

Debunker che alterano la corretta informazione

debunker

debunker

Un debunker è una persona deputata a svalutare affermazioni che possono trovare diffusione nella opinione pubblica, ma contrastanti con gli interessi economici implicati. Il debunking è la pianificazione ed esecuzione di un progetto editoriale teso a discreditare una evidenza. Un debunker deride e scredita una evidenza pubblica ma non solo. Tutto quello che non è collocato nelle aree di interesse prefissate dai committenti del debunker è altrettanto oggetto del loro intervento screditante. Opinioni politiche o religiose, inquinamento ambientale, guerre in atto, validità di prodotti e alimenti posti in commercio, abuso di potere, corruzione, in pratica qualsiasi esposizione giornalistica che non sia adeguata alla versione dei fatti preferita, è attaccata violentemente. Anche se l’uso di  figure professionali specializzate nel dis, il loro ruolo riguarda ogni argomento nel quale si trae vantaggio economico dallo screditare un punto di vista opposto al proprio.

  Leggi tutto.

Globuli omeopatici: una ossessione che dura da secoli

Globuli omeopatici: una ossessione che dura da secoli

globuli omeopatici

globuli omeopatici

L’omeopatia è da sempre sotto il duro attacco delle case farmaceutiche e di una parte di medici che ne temono entrambi ma per diversi motivi,  il gradimento da parte dei pazienti. L’attacco all’omeopatia è iniziato già all’epoca del suo fondatore che fù costretto, causa le contestazioni al metodo, a lasciare il suolo tedesco per riparare in Francia. In epoca recente l’ossessione per i globuli omeopatici determina sia la gratuita diffamazione, sia pubblicazioni le quali dimostrerebbero come tali trattamenti siano privi di  qualsiasi efficacia. Tali comportamenti portano discredito a chi li pone in essere oltre che alla omeopatia. Si può infatti discutere sulle indicazioni e limiti dell’omeopatia, ma certamente non si può disconoscere un fenomeno  che attraversa generazioni di popoli e i loro medici curanti. Il fatto che la medicina omeopatica, si perpetui con successo per secoli e in diversi continenti è una semplice evidenza. Non si può affermare seriamente che l’omeopatia basi sulla suggestione, senza indurre il sorriso anche nelle menti più disponibili. La suggestione, non consente di giustificare il numero di coloro che seguono l’omeopatia e l’estensione temporale della sua applicazione.  Il buon senso oltre che il rigore scientifico richiederebbe almeno una onesta ammissione che un effetto omeopatico esiste, anche se non lo si comprende. Quando i metodi di validazione adottati non lo riescono a descriverlo bisognerebbe ammettere che il modo con il quale si valuta l’omeopatia è  male applicato e\o non adeguato a descriverne il funzionamento.   Leggi tutto.

Genoma umano per applicazioni controverse

Genoma umano per applicazioni controverse

genoma

genoma

Human Genome Project-write, ossia l’avanzamento successivo del primo progetto genoma umano si occuperà di applicare dna sintetico per sviluppi tecnologici. L’idea dei promotori del progetto è di coinvolgere nelle spese anche le istituzioni pubbliche. Questa procedura in un momento storico nel quale le finanze delle nazioni sono in oggettiva difficoltà, rischia però di essere una legittimazione al successivo subentare di investitori prevalentemente privati.   Secondo il Human Genome Project-write i dati del primo progetto genoma dovranno esser destinati alla sintesi in laboratorio di organi destinati ai trapianti e per ottenere cellule umane, capaci di contrastare le infezioni  o di resistere ai tumori. Human Genome Project-write esprime tali intenzioni tramite  un gruppo di  genetisti, biochimici e biologi molecolari che lo pubblicano sulla rivista Science. I ricercatori, che sono ben consci di essere esposti a chi li finanzia, ammettono il bisogno di un quadro di regole etiche, perchè i confini tra ciò che è scienza e ciò che non lo è può essere facilmente attraversato negli intenti prospettati. I problemi connessi sono immensi, perchè come in molti altri avanzamenti scientifici degli ultimi anni, dietro  un apparente progresso si  possono facilmente nascondere interessi parametrati dal profitto.   Leggi tutto.

Bufale: un sito per smascherare le false cure ?

Bufale: un sito per smascherare le false cure ?

bufale

bufale

Si chiamerà ‘attenti alle bufale’. il sito al quale sta lavorando la federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri Fnomceo. Il sito vuole informare i cittadini sulle false terapie e bonificare le truffe pubblicate in rete in tema salute e cure. Il compito di questo portale sarà di  smascherare ciarlatani e sarà accessibile a tutti dal sito web della Fnomceo. Si prevede che sarà attivo online entro la fine del 2016 con la collaborazione di  medici accreditati e esperti di fama nazionale. Il team di “attenti alle bufale”  sarà interattivo con i cittadini al fine di dare a tutti risposte chiare.  Questa iniziativa sia una occasione di libertà  e non privilegi interessi.  Leggi tutto.