DPTS, disturbo post-traumatico da stress

DPTS, disturbo post-traumatico da stress

dpts

dpts

ll DPTS o disturbo post traumatico da stress indica in medicina le conseguenze cliniche dovute alla esposizione ad un evento traumatico, catastrofico o violento. Il disturbo post traumatico è pertanto la conseguenza di un evento drammatico reale e non soltanto risentito dal paziente. Il risentito emotivo consente pertanto la reazione, ma non la genera mai senza la coincidenza di un dramma reale. La malattia si manifesta pertanto in una parte delle persone esposte ad esperienze estreme. Pur volendo e potendo definire una esperienza estrema in tutti i contesti possibili, il DPTS è principalmente associato alla guerra e alla perdita di ogni limite biologico connesso alla violenza espressa.  Leggi tutto.

Campi emozionali

Campi emozionali

campi emozionali

campi emozionali

I campi emozionali sono utili a  comprendere l’ interazione tra lesione tissulare alla sofferenza psichica. La malattia è una risposta biologica a un conflitto non derogabile nella quale sono implicati i campi emozionali. Si tratta di una modalità per la quale la necessità di sopravvivere procede evolvendo nuove capacità e maggiore consapevolezza. La vita umana è un composto di sostanza corporale, emozionale e spirituale. Pertanto a malattia deve necessariamente costituire una soluzione biologica oltre a rappresentare un processo somatico. Le emozioni si manifestano come una campo delocalizzato intorno al corpo del o dei soggetti implicati, nel quale i profondi legami tra modo e senso della malattia si manifestano. Per ottenere che un’esigenza evolutiva si strutturi tramite o quale soluzione tissulare, sono necessari i campi emozionali nei quali agire i complessi processi somatici che ne derivano.  Leggi tutto.

Sistema neurovegetativo e agopuntura

Sistema neurovegetativo e agopuntura

sistema neurovegetativo

sistema neurovegetativo

Il sistema neurovegetativo è rilevante per comprendere il funzionamento dell’agopuntura e per prescrivere il trattamento. Il sistema neurovegetativo è quell’insieme di cellule nervose che innervano gli organi interni e le ghiandole, controllando le cosiddette funzioni vegetative, ossia quelle funzioni che generalmente sono al di fuori del controllo  conscio. Si tratta della interfaccia tra inconscio e corpo e ha la funzione di regolare l’omeostasi dell’organismo. Si suddivide in due categorie ovvero il sistema simpatico e il sistema parasimpatico. Il primo ovvero il simpatico si attiva in relazione alla  funzione di attacco o fuga (fight or flight) mentre  il secondo il parasimpatico agisce nella regolazione degli organi e visceri. Il sistema neurovegetativo si biliancia pertanto a secondo delle situazioni ambientali e interior, i alla ricerca della migliore strategia automatica tesa alla sopravvivenza.  Leggi tutto.

Iporiflessione e agopuntura

Iporiflessione e agopuntura

Agopuntura iporiflessione

Agopuntura iporiflessione

La riflessione insufficiente o iporiflessione è per la agopuntura l’espressione disarmonica, inefficiente e manchevole del campo emozionale in oggetto. L’ipo riflessione è il campo emozionale complementare all’iperiflessione. In questa condizione il deficit di regolazione, distribuzione e compensazione emozionale insito comporta la riduzione dell’attività emotiva svolta. L’iporiflessivo non registra l’evento emozionale con la stessa attenzione e non si occupa di gestire, regolare e compensare il dato.   Leggi tutto.

Iperiflessione e agopuntura

Iperiflessione e agopuntura

Agopuntura iperiflessione

Agopuntura iperiflessione

La riflessione eccessiva o iperiflessione è per la agopuntura un’espressione disarmonica, esagerata e inefficace del campo emozionale in oggetto. La riflessione eccessiva o iperiflessione deriva da un’esperienza conflittuale che sovraccarica la normo riflessione. L’essere umano così stimolato ha motivo di disattendere la necessità biologica di una riposta immediata.  Nell’ iperiflessione ci troviamo in un campo emozionale in cui la funzione d’integrazione emotiva appare come deformata sotto una lente d’ingrandimento e oltretutto fissata su alcuni punti eccessivamente.  Leggi tutto.

Ipopaura e agopuntura

Ipopaura e agopuntura

Agopuntura ipopaura

Agopuntura ipopaura

La paura insufficiente o ipopaura è per la agopuntura l’espressione disarmonica, inefficiente e manchevole del campo emozionale in oggetto.  Al campo emozionale paura equilibrata corrispondono  ovviamente due condizioni di perdita di tale equilibrio: l’iperpaura e l’ipopaura. L’ ipopaura è un’insufficiente capacità emotiva nella gestione di situazioni con contenuto minaccioso. L’individuo in ipopaura non riesce a gestire il conflitto biologico e quindi non lo conclude. Resta in una forma costante di paura cronica insufficiente a una reazione corretta ed è quindi non è efficiente e operativo. In ipopaura si soffre pertanto di ansia, di fobie e di angoscia.    Leggi tutto.

Normopaura e agopuntura

Normopaura e agopuntura

Agopuntura normopaura

Agopuntura normopaura

La paura equilibrata o normopaura è per la agopuntura l’espressione armonica, efficiente e produttiva del campo emozionale in oggetto. Il campo emozionale paura equilibrata o normo paura è in rapporto ad una emozione da tutti ben conosciuta per i suoi basculamenti in posizione di squilibrio. Meno nota e pertanto meno apprezzata è la sua funzione armonica. La normo paura permette di rapportarsi a un mondo talvolta insidioso con una capacità di gestione anche emotiva del pericolo.   Leggi tutto.